Real…

Tu m’incanti.

Seduta davanti a te,

un giardino.

Unica colpa

accendere i sensi.

Una rosa tra i capelli.

È primavera.

Annunci

Bonne nuit

Profumo di buonanotte.

La mia.

Imperfetta.

Complicata.

Dannatamente bella!

Bonne nuit!

Buonanotte!

Interno notte.

Gocce insistenti sui vetri, rimbombano nel cuore.

Abatjour accese.

Il dolore corre come corrente nella parte sinistra del corpo. Un cuscino sul fianco.

”You get” Cat power.

Io, da sola.

Io.

Il mio spazio.

La misura che contempla la mia capacità di reazione. Adattamento al cambiamento, al dolore, al mio grado di sopportazione.

Io.

La fatica.

La notte.

Io.

Lentamente mi concedo di ritrovarmi. In ogni stilettata di dolore resto e mi riconosco.

Concedo a me stessa di esserci.

Ammansisco lo straniamento provocato dal dolore e lo riporto a me.

Io.

Mi preparo a combattere.

A vivere.

Io.

Hugeman in salotto con un libro.

Figlio dorme, immerso in sogni o problemi suoi.

Stasera la condivisione passa da qui e si manifesta così: autodeterminazione.

Io.

Mi preparo a vivere.

Io.

… E che il sonno si conceda di posare le sue mani benevole sulle mie membra esauste.

Buonanotte!