Devo riprendere la dieta senza glutine. E’ una necessità. Una forma di sopravvivenza. Non è celiachia la mia. E’ altro… ma in questo altro il glutine fa comunque male e mi è stato tolto. Un anno fa.
Ho mangiato senza glutine per un sacco di tempo. Sono stata brava. Mandorle, semi, insalata, pesce, petto di pollo alla piastra. Niente pasta, nemmeno quella per celiaci che comunque fa schifo. Niente pane né biscotti, nemmeno quelli per celiaci che alla fine fanno schifo e contengono robette poco sane tipo l’olio di colza.
Sono stata brava! ( Ma questo l’ho già scritto, no?!?)
Ho mangiato sano per quasi un anno. Poi si è rotto qualcosa. Si è spento l’interruttore e zac! Ho ceduto!
Si è aperto un argine e adesso una voragine.
Devo tornare indietro.
Devo ristabilire una tabella di marcia.
Il mio pancreas ha fatto la guerra. Ha lanciato di nuovo diverse bombe. Sono stata buona per un po’ ma ho ripreso a mangiare ciò che non devo.
Ora devo essere saggia e riconquistare l’armonia. Il mio equilibrio.
Ora devo riprendere la griglia e ricominciar a far sfrigolare piccole foglie di radicchio bordeaux!

Alla prox!

Annunci