È ancora in gestazione ques’estate dalle mani delicate e gli occhi seducenti.

È un’attesa  che coinvolge tutti i sensi. Allerta il corpo, tende i muscoli come prima di una corsa.

Aspetto all’ombra di una magnolia.

Ascolto la quiete del mio giardino. Solo i tuoni in lontananza fanno presagire un temporale che spazzerà via la noia da un pomeriggio vestito di prevedibilità.

Indosso un abito leggero, profumato.

Tendo le braccia al cielo e accolgo le storie che l’aria calda mi offre amichevole.

L’estate sta arrivando come un pensiero soave che solleva la mente dal grigiore del passato.

Mi spoglio di tristezze superflue e lascio che il sole colori la mia pelle di benevole intuizioni.

Annunci