1982 interno casa.

Una bambina coi codini e le lentiggini prende la sua bambola preferita se la mette sulle ginocchia e seduta sulla poltrona della cameretta finge di guidare.

Dopo complicate manovre di parcheggio, simili a quelle che vede fare alla sua mamma ogni mattino, scende dall’auto per recarsi alla posta.

C’è molta fila ed è quasi ora di pranzo. Essendo figlia di una donna ansiosa e responsabile, si preoccupa di dover avvisare in qualche modo il marito che sta per tornare a casa. Ed ecco che arriva l’intuizione fulminea come un gatto che balza da un tetto all’altro: un telefono con un filo lunghissimo per poter parlare anche fuori casa. Ovviamente il filo dev’essere invisibile! Detto fatto, che la fantasia non ha limiti! 

La bambina tira fuori il “magico” telefono dalla borsetta di Strawberry e tranquillamente chiama casa.

In un pomeriggio di primavera del 1982 era stato ufficiosamente “inventato” il primo telefono cellulare!😉

Annunci