Poi ci sei tu,

che catturi ogni mio respiro

e mi riappacifichi col mondo.

Il dolore ritrova una forma nuova,

le tue mani l’unico posto

capace di contenerlo.