Interno sera.

Tavolo di legno, piccole tovagliette rosse a pois bianchi. Tovaglioli rossi.

Tre minuscole candele bianche come centrotavola.

Siamo noi.

Quattro.

Un numero “straniero” per me.

Io sono da tre.

Da tutta la vita.

Eravamo tre nella mia famiglia d’origine.

Siamo tre nella famiglia che ho formato io.

Tu sei da tre.

Insieme siamo diventati quattro.

La nostra cena.

Ridiamo.

Assaggiamo il cibo.

Mangiamo di gusto.

Carne, polenta. Un buon vino rosso.

”Great job, daddy!”

Juliette che parla inglese con il suo dolcissimo accento francese.

Noi.

Ci mescoliamo.

Viviamo.

Piano, piano stiamo diventando una “cosa nuova”.

Meravigliosa!