Di nuovo il cambiamento,

noi infinitamente piccoli,

arroccati su lievi certezze,

ci teniamo, rigidi, in piedi.

Convinti che clemente

il tempo resti orfano delle

nostre imperfette sconfitte.