È quando credi che quella pelle, quegli occhi, quelle mani siano mossi da stati d’animo sinceri, idee potenti, sentimenti coraggiosi.

È quando, in piena notte, una sigaretta fumata in terrazza sembra portarti ai confini del mondo.

È la vita, beffarda, intransigente, ironica.

Cammino.

Le mie gambe sentono i muscoli allungarsi, il cuore pompare sangue appassionato. Gli occhi puntare dritti all’orizzonte.

Tempo.

Ti sento ancora.

Quella pelle brucia invisibile sopra la mia. Odore sensuale rievoca nelle mie narici momenti passati.

Ti sento ancora… ma tu non ci sei più.