Interno sera.

Logorante. Nelle ossa i pensieri s’insinuano e pungono come scheletri privati della morbida carne.

Ricaccio lacrime.

Il buio, amaro, avvelena umane distanze.

Non conto i passi ma le ore.

Spazio e tempo si confondono in evanescenti scie luminose.