Era un gatto

i baffi sottili

vibravano

invisibili.

Ogni mattino

l’aria tersa

sfiorava il pelo nero.

Su un tetto

accoccolato

si addormentò.

Verde prato,

alberi e boschi

sognò.

Al suo risveglio

di una lepre

si ritrovò innamorato.