Avvolgono paure

senza sentimenti

le braccia orfane

di consistenti storie.

Verde acerbo su

un tavolo ad asciugare.

Il letto vuoto

raccoglie vento

e soave polvere.

Sul vetro il tempo

disegna cauto

imperterriti destini.