Erano le dita
ad arrendersi
sul confine
arso di un corpo
inviolato.
Graffi, squarci
come pensieri
un pertugio
tra l’esistere
e l’eterno errare.