Cade la voce

e si strappa.

In mille triangoli

leggeri

sul petto atterra.

Il respiro di soppiatto

l’afferra.

E intera su per la gola

risale indignata.