Tag

Sul tuo viso impertinente

si poggiano linee brevi

di stagioni nutrite dalla pioggia.

Sulle labbra carnose

si dispiegano strade

di parole e incoscienti desideri.

Sulle mani un nido morbido

di saluti ormai abbandonati.

Sul cuore un filo trasparente,

un colpo secco e scivola giù.

Ingoiato dal tempo,

senza ore intrecciate al polso,

arresta muto la sua corsa.