Suggestioni

Un temporale
Vetri rotti
Fragore e petali
di rose sulle mani
stanche.
Pelle contro pelle
e passione rossa
frantuma intenzioni
disarma volontà.
La tregua
arriva inconsapevole
e scalda lieve
antichi geli.

Prima… vera

Ci sono profumi che sulla carta sembrerebbero il contrario di quello che mi attrae eppure, una volta spruzzati sul polso o sul collo, m’irretiscono a tal punto da volerli acquistare.

”Tiffany and co.” è stato uno di questi.

Per me è il ricordo di un viaggio. Tolosa e il suo fiume in un freddo giorno di marzo. Le guance che pizzicano e la sciarpa nera di lana, avvolta attorno al collo, che profuma di muschio e rosa. Nonostante l’aria gelida, tutto intorno a me odorava di primavera.

Ecco io ci sento rosa e muschio. Muschio e rosa. Non la leggo nemmeno la piramide olfattiva perché per me questa è una fragranza lineare, “pulita”, cristallina come può esserlo solo un giorno d’inizio primavera.

Buona

Il cuore stamattina si è fatto di fango. Il sole lo ha asciugato, il vento, con mani indifferenti, lo ha sgretolato.

Devo raccogliere le forze. Resistere.

L’ho tenuto dentro di me, più del dovuto.

L’ho protetto oltre ogni ragionevole scelta possibile. E di una non scelta si è trattato perché nessuno merita certi comportamenti. Nessuno tantomeno io.

Devo resistere.
Con me devo imparare ad essere “buona” perché se non parto da qui non potrò mai osare viaggi più lunghi ed importanti.

Si sciolgono i ricordi. I baci. Le mani negate.

La bontà deve essere tutta per me.

Tutta la mia.