Variazioni 

Liquida sensualità 

aggrappata ai tacchi a spillo.

Barcollante.

La bocca 

sporca di rossetto: muta.

Viole sul letto sfatto.

La voce del Maestrale 

urla umida dalla gola del tempo.

Annunci

Ohhh!

Ah!

Sogno la primavera. I campi fioriti. Il sole sempre più giallo.

Acqua sulla pelle. Vita nuova!

Sono solo capriole. Pensieri che si avviluppano intorno ad un desiderio.

Spingo con forza. Arrivo su. In alto.

Canto con tutta la voce, anche quella immaginata.

La mia melodia s’intona al coraggio.

La vita.

Ohhhhh!

Stelle nere

Della rosa la parte fumosa è quella che mi rimane sulla pelle.

Apro la finestra con coraggio. Senti?!?

Fa freddo.

Tolgo i tacchi. Li rimetto. Cammino sul pavimento in legno. Mi piace il rumore, l’eco delle mie più piccole intenzioni.

Sono sciocca… piango!

Erano le oche di quel giardino, tanto tempo fa, che ci facevano ridere.

Sono sciocca e garrula. Una donna oca.

Oggi mi permetto anche questo.

Ehi tu!

Togliti quella vestaglia e vieni via con me!

Origine

Dimmi da dove vieni e chi ti ha reso così.

Tutti i semi piantati nella terra hanno creato una foresta impenetrabile. È impossibile scorgere il sentiero, camminiamo alla cieca e ogni giorno ci facciamo male.

Guarda i miei piedi, portano i segni delle cadute e le cicatrici delle vittorie.

Vorrei imparare la tua lingua ma non esistono scuole che possano insegnarmela.

Sono nata sulla scia di lacrimogeni e bombe carta. In un giorno di sole ho aperto gli occhi. Da un vetro ho visto cos’è la vita e quella distanza la porto sepolta nel cuore.

Dimmi chi sei.

Chiedo di chiudere il cerchio. Di trovare la fluidità di un nuovo equilibrio.

Dimmi chi sei e da dove vieni.

Evocativo 

Non il nome ma la mia essenza,

affinché tu possa trovarmi

anche senza luce.

Sulla pelle mi sentirai,

puro istinto sui polsi esili.

Ombra di memoria sui capelli,

bruma sottile di sogni sul cuscino.

Pienezza della struggente assenza,

effimera potenza d’indissolubile passione.

Le nostre note

Suona!

Suona per me.

Suona fino a quando le dita sanguineranno.

Suona e ridi.

Suona e guardami.

Nessuno toccherà il mio cuore.

Suona e non ci accadrà niente.

Non si muore aggrappati al ritmo di queste note.

Suona e saremo noi.

Suona per me e per te.

Suona e mostrami la trasparenza del tuo respiro.

Suona…

Per sempre!

Fiori 🌺

Petulante la voce risuona nel vuoto della stanza grande.

Tutti in fila fuori.

Piove.

Piove acqua. 

Piovono fiori. 

Fiori?!?

È un’eccezione, una deroga alla normalità. Oggi a Roma piovono fiori.

Nessun dolore.

Non più.

Lenta arriva Lei.

Nessuno la chiama per nome. Le lacrime sono truccate di gioia.

Ci sono tacchi da 12 cm. Vestiti di pizzo. Ombrellini trasparenti.

Un buon profumo d’incenso sacro.

È la vita, la vita, la vita…

Tre volte nel cuore e nella bocca.

Non un addio, ma tante mani da stringere nell’unico per sempre che ci è dato conoscere.

Piovono fiori sugli ombrelli trasparenti…